- FINALISTI 2018 Stampa
Scritto da Fausto Simboli   
Venerdì 29 Luglio 2011 10:11


Questi i finalisti selezionati dalla Giuria. 

XII edizione - anno 2018:

 

Dora Albanese - La scordanza (Rizzoli)

Lorenza Gentile - La felicità è una storia semplice (Einaudi)

Francesca Manfredi- Un buon posto dove stare (La Nave di Teseo)

Filippo Nicosia - Un'invincibile estate (Giunti)

Francesco Riva - Il pesce che scese dall'albero (Sperling & Kupfer)

Cinquina
 

 

____________________________________
Dora Albanese


Biografia

DORA ALBANESE (1985) è nata a Matera ma vive a Roma. Da anni collabora con Rai Uno. Nel 2009 ha pubblicato la raccolta di racconti Non dire madre. La scordanza è il suo primo romanzo.

https://www.facebook.com/dora.albanese.9

 
dora_albanese_foto

La scordanza

A Muggera, un piccolo paese della Basilicata, il mondo sembra essersi fermato: le donne alternano le preghiere del rosario alle formule per scacciare il malocchio; gli uomini sono pronti a uccidere per uno sguardo di troppo; nel bosco, nascoste tra i calanchi, le fattucchiere preparano filtri d’amore. E poi c’è un ruscello, una “fiumara”, che per chi l’attraversa segna il confine invisibile tra dentro e fuori, tra vita e morte, tra ricordo e dimenticanza.
Caterina sogna di oltrepassare quel ruscello, raggiungere l’altra riva e lasciarsi tutto alle spalle: è troppo bella, troppo giovane, per restare in un posto senza futuro. Ma a casa ha una famiglia che l’aspetta – un marito, una madre anziana, due bambini piccoli. Quale donna, al suo posto, avrebbe il cuore di abbandonarli? Caterina non sa rispondere a questa domanda, finché non incontra Nadir. Un uomo brutale, selvaggio, che vive da solo tra i sassi senza acqua né elettricità; un uomo che non ha nulla da offrirle, se non l’occasione di invertire il passo e fuggire. È così che inizia questa storia, con una fuga. Perché soltanto fuggendo si può scoprire cosa resta di una persona quando sceglie di recidere tutti i legami della sua vita.
Quello raccontato da Dora Albanese è un Sud feroce e contraddittorio, impastato di magia oscura. E lei ci tende la mano per rivelarne i segreti, regalandoci un romanzo intenso, viscerale, che si interroga sul senso più profondo della femminilità.

La_scordanza




 

Lorenza Gentile

Biografia

LORENZA GENTILE è nata a Milano nel 1988, è laureata in Arti dello Spettacolo alla Goldsmiths University di Londra e ha frequentato la scuola internazionale di Arti Drammatiche Jacques Lecoq di Parigi. Per Einaudi ha pubblicato Teo (2014), il suo primo romanzo, e La felicità è una storia semplice (2017).

https://www.facebook.com/lorenza.gentile.12


 
Lorenza_Gentile

La feli
cità è una storia semplice

Nemmeno con la corda al collo, ormai deciso a farla finita, Vito Baiocchi riesce a sottrarsi all'autorità della terribile nonna. Come sente il cellulare che squilla, si sfila il cappio e risponde. La vecchia pretende di essere accompagnata fino in Sicilia, il luogo dove è nata e che ha dovuto abbandonare molti anni prima. Lui non sa dire di no e parte con lei per un viaggio interminabile. Tra incontri buffi e situazioni tragicomiche, i due si confessano insospettabili segreti, mentre niente va come dovrebbe. Ma quando tutto sembra perduto, Baiocchi capisce che deve prendere in mano la propria vita e sforzarsi di credere nella felicità.
Spesso è nelle cose semplici che scopriamo il senso del nostro stare al mondo. Una commedia stralunata, dove un quarantenne fallito e la sua nonna ottuagenaria si lasciano travolgere dalla confusione della vita. E imparano a perdonare, soprattutto sé stessi.

La_felicit__una_storia_semplice




 


 

Francesca Manfredi

Biografia

FRANCESCA MANFREDI è nata a Reggio Emilia nel 1988 e vive a Torino. Ha pubblicato racconti su “Linus” e sul “Corriere della Sera”. È tra gli autori di 6Bianca, serie teatrale in sei episodi ideata da Stephen Amidon e realizzata dal Teatro Stabile di Torino nel 2015. Tiene corsi di narrazione presso la Scuola Holden. Un buon posto dove stare è il suo primo libro.

https://www.facebook.com/fra.manfre

Francesca_Manfredi_bn



Un buon posto dove stare

Un bosco, una vecchia casa in montagna, la piscina di un condominio. Una bambina che nuota, una ragazza che torna a casa, un padre che scompare, un altro che trova pace nel silenzio umido di una cantina. E poi, nel pulviscolo di istanti che compongono i giorni più normali, affiora la rete dei sentimenti, dei sogni, delle scoperte che illuminano e feriscono, di una memoria in cui si è sempre salvi, ma inguaribilmente soli.
È con grazia e scrittura limpidissima che Francesca Manfredi racconta i protagonisti di queste undici storie, avvolti nella normalità delle loro vite, ma sempre colti sul principio di una soglia da cui poter guardare alle loro fragilità e alle loro inquietudini, come a un posto da cui non è necessario fuggire, un buon posto dove stare.

Un_buon_posto_dove_stare

 

 


Filippo Nicosia


Biografia
FILIPPO NICOSIA messinese, classe '83, ha lavorato per anni in editoria prima di mollare tutto e partire per la Sicilia con la libreria itinerante “Pianissimo – libri sulla strada” (Premio Gutenberg 2014, Premio Fiesole 2015). Dopo due anni di scorribande per l’Italia, nei piccoli paesi o nelle periferie delle grandi città, si è trasferito a Firenze dove attualmente vive e continua a leggere. Nel 2013 ha pubblicato Pianissimo - libri sulla strada, a 20km per amore della lettura, un reportage narrativo sul viaggio libresco siciliano. Un'invincibile estate è il suo primo romanzo.

https://www.facebook.com/filippo.nicosia.10

Filippo_Nicosia_light



Un'invincibile estate

Un'invincibile estate è un romanzo di formazione che dipinge a tinte forti la vita di un ragazzo d'oggi in una Sicilia magnifica e crudele. A pochi giorni dal suo compleanno, un evento spazza via tutte le certezze del giovane Diego: tornando dal turno serale nel ristorante in cui lavora, trova il padre riverso sul tavolo della cena. Quel padre violento e sanguigno, a cui Diego è legato da un amore viscerale, lo ha lasciato solo nella casa con vista sull'autostrada, in un quartiere popolare di Messina. L'unico rifugio sicuro è la passione per la lettura e la cucina, in cui Diego rivela ben presto un talento straordinario.
Ma ad attenderlo c'è un'altra sorpresa: al funerale del padre si presenta Giovanni, un giovane sfrontato e prepotente che gli sbatte in faccia una verità molto difficile da digerire, riportando a galla vecchi rancori e gelosie. Soprattutto quando si insinua nel letto di Ester, la migliore amica di Diego, da sempre sua complice e confidente.
Intanto l'estate è arrivata, fregandosene dei morti e del dolore, e con lei arriva anche Martina, che travolge Diego con tutta l'ebbrezza e i dubbi del primo amore.
E mentre il ragazzo nuota ogni giorno nelle acque gelide dello Stretto, cercando di tenere a bada la paura per le sfide che lo attendono, all'orizzonte si profila una scelta che potrebbe cambiare il suo futuro, e forse portarlo lontano da quella terra così amata e odiata.

cop_high_Un_invincibile_estate



Francesco Riva


Biografia

FRANCESCO RIVA, discalculico e dislessico, ha ventiquattro anni ed è autore di teatro e attore teatrale e cinematografico. Diplomato presso l’European Union Academy of Theatre and Cinema (EUTHECA) a Roma, ha trasformato la sua tesi, un monologo sull’esperienza scolastica di un bambino dislessico, in un fortunato spettacolo dal titolo DiSlessia… Dove Sei, Albert?, che ha dato un importante contributo alla causa dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento ed è stato rappresentato anche in scuole e convegni di neurologi e specialisti della dislessia.

www.francescorivanobu.com

https://www.facebook.com/FrancescoRivaOfficial/

Francesco_Riva_light


Il pesce che scese dall'albero

Alle elementari Francesco è un disastro: non ricorda i mesi dell’anno, confonde le lettere e, soprattutto, non sa le tabelline! L’ora di matematica - la sua bestia nera – la passa a disegnare, relegato in fondo all’aula. Finché arriva la maestra Diana, che capisce tutto: quel bambino non è pigro né stupido, ma dislessico e discalculico. Non studierà sui libri, ma ascoltando e, per esercitare la memoria, recitando. E così Francesco finisce il liceo, impara tre lingue e scopre la passione per il teatro, che lo porterà a studiare all’Accademia europea di teatro e cinema. Quando viene il momento di realizzare il suo primo spettacolo, Francesco non ha dubbi: racconterà la storia più bella che conosce, quella di un bambino che affrontando la dislessia ha liberato il suo talento e realizzato i suoi sogni.

 
 
Il_pesce_che_scese_dallalbero








































Ultimo aggiornamento Venerdì 18 Maggio 2018 14:34